Stress palleva mattia psicologo trieste

Gestire lo stress

 

La psicologia ma più in generale il senso comune ci hanno portato a credere che lo stress sia qualcosa di dannoso per il nostro corpo e la nostra salute. Spesso infatti ansia e situazioni stressanti sono collegate a problemi di natura cardiocircolatoria.

 

Se vai avanti così ti ammali. Tranquillo, rilassati che sennò ti viene un infarto.

 

Quante volte ci hanno detto o abbiamo detto noi stessi questa frase? Moltissime

E soprattutto, quanto poi siamo effettivamente riusciti a calmare la persona o noi stessi?

 

La vita lo sappiamo tutti è fatta anche di stress. Gli standard e i ritmi della società in cui viviamo ci richiedono un impegno sempre maggiore per raggiungere vari surrogati di felicità: soldi, relazioni, auto, sesso, numero di like su Instagram, ecc.

 

Per non parlare poi degli eventi di vita: problematiche lavorative, relazionali, licenziamenti, malattie.

Siamo immersi nello stress.

 

Che fare allora? Ritirarsi in un monastero zen può essere una scelta praticabile certo, ma esiste anche una soluzione più attuabile rispetto che raderti a zero e trasferirti in Tibet. E puoi farlo già da subito.

 

 

Il significato che tu dai

 

Partiamo da una ricerca del 2012. Questo studio ha coinvolto 30.000 adulti per otto anni. Le domande della ricerca erano due:

 

  1. Quanto stress hai provato nell’ultimo anno?
  2. Quanto credi che lo stress possa aver influito negativamente sulla tua salute?

I ricercatori poi hanno consultato i registri dei decessi per verificare il tasso di mortalità del loro campione.

 

Come è normale prevedere le persone più stressate hanno presentato una mortalità più alta del 43%.

 

Sorprendentemente però questo dato era vero solo per le persone che percepivano una correlazione tra stress e salute: in altre parole moriva di più chi credeva che lo stress fosse dannoso per la salute.

 

Non solo. Chi non aveva questa credenza moriva di meno anche rispetto alle persone che avevano subito meno stress.

 

Il significato che tu dai a ciò che ti succede, a ciò che provi, può cambiarti la vita. Te la può addirittura salvare come abbiamo visto.

 

Usa il tuo stress

 

Immagina di essere sottoposto ad un esame. Hai davanti a te la commissione esaminatrice. I loro feedback non verbali non ti aiutano, anzi, peggiorano la situazione. Inizi a sudare freddo, il cuore ti batte all’impazzata nel petto, il respiro si fa veloce. Vorresti solo scappare da li.

Stress esame palleva psicologo trieste

Non per niente questo tipo di reazione viene definita di attacco o fuga, una reazione fisiologica che si manifesta in risposta a un evento dannoso, attacco, o minaccia alla sopravvivenza.

 

Quello che non sai è che in realtà il tuo corpo, con queste risposte, ti sta aiutando, ti sta mettendo in uno stato di preparazione alla sfida.

 

 

 

Alcuni ricercatori hanno voluto testare questa ipotesi mettendo degli studenti in una condizione come quella qui sopra dell’esame. Una situazione altamente stressante quindi.

 

Un gruppo di questi studenti però è stato istruito prima sulla bontà delle reazioni da stress: è stato detto loro che il respiro veloce, il cuore che scalpita e altre cose erano dei loro alleati nella sfida.

 

I risultati sono stati analizzati e le differenze tra i due gruppi sono state sorprendenti.

 

Sapere che il corpo ci sta in realtà aiutando (il respiro ad esempio si fa più veloce per portare più ossigeno al cervello) crea a livello cardiocircolatorio delle reazioni più simili allo gioia e al coraggio che allo stress.

 

Ciò è avvenuto semplicemente conoscendo ed interpretando in modo diverso quello che stava succedendo.

 

Ma esistono altri effetti sorprendenti:

L'ormone delle coccole

Durante una situazione stressogena la ghiandola pituitaria del cervello rilascia un neuro-ormone che è l’ossitocina, noto anche come l’ormone delle coccole, perchè viene rilasciato quando abbracciamo qualcuno.

 

sostegno sociale palleva mattia psicologoCiò che questo ormone fa è che ti rende sociale: l’ossitocina guida gli istinti sociali del cervello ti prepara a fare cose che avvicinano le relazioni sociali, fa desiderare il contatto di amici e parenti, aumenta l’empatia, ti fa diventare più compassionevole e comprensivo.

L’ossitocina quindi è un ormone  che ti spinge a cercare relazioni, a raccontare alle persone come ti senti e far notare a te stesso se nella vostra vita qualcuno sta soffrendo.

In altre parole la relazione chimica del cervello allo stress vi spinge a circondarvi di persone che tengono a voi.

 

 

Inoltre essendo un antiinfiammatorio naturale protegge il vostro corpo da gli effetti collaterali di una reazione da stress:

Il cuore infatti ha dei recettori di questo ormone. L’ossitocina aiuta a rigenerare le cellule cardiache: in altre parole lo rafforza. Tutti questi effetti vengono aumentati dal contatto sociale (sia che chiediate aiuto a qualcuno, sia che lo diate). La reazione dunque è più sana e più veloce.

 

La nostra reazione allo stress contiene dunque un meccanismo di resistenza allo stress, e quel meccanismo sono le relazioni umane.

 

In conclusione quindi il vero consiglio che ti può salvare la vita:

Se sei stressati, sotto pressione o in un periodo difficile della vostra vita chiedi un aiuto.

 

Non sono solo io a dirtelo, ma anche il tuo stesso corpo.

Ed il corpo si sa, ha molta più saggezza di quella che pensiamo.

 

Mattia-Palleva-Psicologo-Trieste

Articolo scritto da Dott. Mattia Palleva
Psicologo Psicoterapeuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top